Categorie
Dall'Italia

Ripresa dei flussi migratori e rischio terrorismo

Il videoconfronto tra informazione e politica

“Ripresa dei flussi migratori e rischio terrorismo”, è questo il tema della videoconferenza organizzata venerdì 9 luglio dall’associazione Incursioni. All’incontro sono intervenuti la parlamentare di Fratelli d’Italia Ylenia Lucaselli e i giornalisti Antonio Albanese, Alessio Postiglione e Alessandro Sansoni. 

Nel corso delle ultime settimane l’Italia ha assistito a una nuova recrudescenza del fenomeno migratorio: sono 19.320 gli sbarchi sulle coste nostrane nei primi 6 mesi del 2021, il 178% in più rispetto al 2020. “Anche se i numeri rimangono inferiori a quelli della crisi a cavallo tra il 2016 e il 2017 la percentuale continua adaumentare progressivamente di anno in anno, rischiando di superare il punto critico”, rileva il giornalista Alessandro Sansoniaprendo il dibattito. “La redistribuzione tra i paesi dell’Unione Europea non si è rivelata una scelta adeguata per la risoluzione del problema che risiede proprio lì dove inizia il viaggio, e non al momento dell’approdo – conclude – Per comprendere il fenomeno migratorio bisogna guardare oltre il solo contesto mediterraneo,verso i Paesi dove avvengono le partenze: Africa centrale, Asia e Medio Oriente”. La soluzione, quindi, non può essere trovata tramite gli accordi con Turchia e Libia che se da una parte riducono effettivamente il numero degli sbarchi, dall’altra incrementano il rischio di terrorismo, come si evince guardando proprio alla Libia, dove la compagnia militare turca Sadat gestisce gran parte dei campi profughi, luoghi principali della radicalizzazione.

“L’intero human trafficking è di per sé criminogeno”. Così Alessio Postiglione, giornalista di Formiche.net e autore di numerose pubblicazioni sul rapporto tra sicurezza e immigrazione. “Il problema del terrorismo non è legato solo a elementi radicalizzati che arrivano in Italia e in Europa – rileva Postiglione – è fatto di persone che, inconsapevolmente, alimentano il reddito criminale ingrossando uno dei business fondamentali delle compagini criminali formate non solo da jihadisti ma anche da esponenti di mafia e ‘ndrangheta”.

Nel corso del convegno sono emerse perplessità da parte dei relatori anche in merito alla gestione del fenomeno migratorio da parte di Ong e organismi sovranazionali. Su tutti, è stata segnalata la controversa gestione dei campi profughi e delle missioni da parte dell’Onu, in particolare, della missione MINUSCA, istituita nell’aprile del 2014, che ha visto l’invio nella Repubblica Centrafricana di oltre 10mila militari. I caschi blu non si sarebbero dedicati alla “stabilizzazione integrata e multidimensionale” del territorio, come nei piani delle Nazioni Unite, anzi sarebbero stati coinvolti in operazioni di fiancheggiamento dei vari gruppi di ribelli o addirittura in azioni vessatorie e illegali nei confronti delle popolazioni locali. Una instabilità politica e sociale che èalla base della volontà di emigrazione da parte di chi viene da zone lacerante dalle guerre civili.

“Quello migratorio è un fenomeno legato ad ambiti che superano il contesto mediterraneo”. Lo conferma il giornalista Antonio Albanese, che nel suo intervento ha analizzato la geopolitica della migrazione: “Accanto alle rotte più note ne esistono molte altre, così come vari sono gli approcci al problema. Alcuni Paesi, come Australia e Ungheria, intraprendono sistematicamente azioni volte a fermare gli arrivi e rispedire fuori dai confini nazionale chi arriva illegalmente, più di recente, anche la rotta artica è stata bloccata dal governo lituano. Tuttavia, come visto, il blocco dei flussi tout-court oltre a essere impossibile non può arginare tutte le ramificazioni criminali legate ad esso”. “Chi sbarca in Italia – segnala infine Albanese – spesso vuole solo transitare per il nostro Paese, ne consegue che gli accordi attualmente in essere in Unione Europea sono particolarmente sconvenienti per l’Italia e per gli stessi migranti”. 

L’analisi politica dell’approccio al fenomeno migratorio è stato fornito dalla parlamentare Ylenia Lucaselli: “La politica non ha voluto prendere una posizione: la mancata gestione del fenomeno migratorio è stata una scelta che ha influito sui problemi interni e sulla proiezione internazionale dell’Italia”. “L’accoglienza ad ogni costo penalizza proprio chi arriva in Italia e in Europa. La maggioranza compie una migrazione economica e non di necessità, sono i soggetti più esposti al rischio di cadere elle maglie della radicalizzazione e quindi nel terrorismo”. Sono tanti itemi satellite che gravitano attorno al grande fenomeni migratorio, tra questi, Lucaselli ha segnalato le problematiche legate allo sfruttamento della manodopera clandestina, che ha conseguenze su intere filiere, penalizzando l’intero mercato del lavoro. “La risposta di Fratelli d’italia al fenomeno forse non è definitiva – conclude la parlamentare – ma è l’inizio di un percorso e di una scelta consapevole”.

Categorie
Dall'Italia

Meloni sotto attacco ma Galli della Loggia non ne azzecca una

L’analisi dell’europarlamentare Vincenzo Sofo

Il fatto che Fratelli d’Italia sia diventato il primo partito d’Italia in termini di consenso popolare pare abbia mandato nel panico l’establishment della penisola. Altrimenti non si spiega il grossolano attacco lanciato dalla colonne del Corriere della Sera da un intellettuale come Ernesto Galli della Loggia, incappato – forse preso dalla foga di dover improvvisare un “j’accuse” a priori alla leader di FDI – in una serie di grossolane gaffe.

Così l’europarlamentare di Fratelli d’Italia, Vincenzo Sofo, introduce per Affaritaliani.it la vicenda che vede contrapposti Ernesto Galli della Loggia e Giorgia Meloni

La tesi di Galli della Loggia è quella banalità trita e ritrita relativa al fatto che se vuole andare al governo la destra deve prima rendersi presentabile, depurandosi delle sue idee e cambiando classe dirigente. Insomma, deve smettere di essere destra e – meglio ancora – diventare sinistra. Poichè, ovviamente, è la sinistra ad avere l’unica classe dirigente autorizzata a governare il nostro Paese. E poco importa se sia la stessa classe dirigente che ci sta mandando in rovina.

Galli Della Loggia articola dunque le sue argomentazioni su tre “insegnamenti” che la Meloni dovrebbe apprendere. Peccato che tutte e tre le sue lectio magistralis siano imperniate su contenuti piuttosto scadenti, talvolta addirittura falsi.

Il primo insegnamento riguarda il collocamento internazionale. L’accusa mossa alla Meloni è di avere alleanze con i governi di Russia, Ungheria e Polonia (definiti regimi) definite politicamente inutili e compromettenti, basate solo sulla condivisione delle battaglie anti lgbt, anti immigrazione e pro vita. Quando invece dovrebbe creare alleanze con Spagna e Inghilterra. Se Galli Della Loggia avesse seguito con attenzione le dinamiche europee avrebbe tuttavia scoperto che le tre battaglie sopra citate rappresentino degli temi cardine dell’agenda della Commissione europea, che i primi a coltivare i rapporti con la Russia si chiamano Merkel e Macron, che Ungheria e Polonia – oltre a rappresentare il sottogruppo (Visegrad) probabilmente più influente della UE – sono considerati degli interlocutori importantissimi da parte rispettivamente di Germania e USA e che il partito dei Conservatori europei del quale la Meloni è leader ha solide relazioni sia in Inghilterra con i conservatori attualmente al governo sia in Spagna con uno dei partiti più importanti che si chiama Vox.

Il secondo insegnamento riguarda il modo di fare opposizione. L’editorialista prende ad esempio i risultati del Rassemblement National nelle recenti elezioni regionali in Francia per dimostrare che fare la destra di opposizione, i “populisti” secondo lui, non paghi. Peccato che fa riferimento a un risultato elettorale che chiunque conosca minimamente la politica francese considerava scontato poichè figlio di un sistema elettorale maggioritario a doppio turno costruito apposta – a proposito di regimi – per impedire alle forze politiche sgradite di salire al governo. E ciò è accaduto, a proposito di pentimenti da compiere, nonostante il Rassemblement National abbia avviato un percorso di progressiva de-destrizzazione.

Il terzo insegnamento infine è quello più grottesco. Galli della Loggia tira fuori la classica carta della disperazione usata dalla sinistra: “la delegittimazione che promana dal loro passato”. Per provare a trascinare la Meloni nel calderone della Seconda Guerra Mondiale, la collega in modo rocambolesco a Marine Le Pen la quale a suo dire ha il torto di simpatizzare per il maresciallo Petain invece che per De Gaulle. Dimostrando per la terza volta scarsa conoscenza dei temi che utilizza per argomentare. Infatti Marine Le Pen, come ha giustamente ricordato la stessa Meloni nella sua lettera odierna di risposta, non si è mai definita petainista ma anzi gollista. E peraltro nell’ambito di una divisione che non riguarda il conflitto mondiale bensì la Guerra d’Algeria. Chi invece ha elogiato Petain nell’ambito delle guerre, ditelo a Galli della Loggia, invece è il suo amato Macron.

Ad “arrampicarsi sugli specchi manipolando o nascondendo la realtà” pare proprio che sia stato dunque Galli della Loggia. Che, probabilmente andato ancor più nel panico essendosi accorto della pochezza contenutistica del suo attacco, è scaduto ancora più in basso: invitando provocatoriamente la Meloni, come prova del suo essere presentabile, a far picchiare i sostenitori di Forza Nuova o Casa Pound.

A voi le conclusioni.

Categorie
Dall'Italia

Estremismo di sinistra ed egemonia globalista, il webinar

Lo strano connubio creatosi tra èlite globalista e l’estremismo politico di sinistra, è stato al centro del webinar “L’estrema sinistra internazionale al servizio dell’egemonia globalista”, organizzato venerdì 18 giugno dalla rivista Incursioni. A confrontarsi sul tema il giornalista Alessandro Sansoni, il sociologo Fabrizio Fratus, il filosofo Diego Fusaro e l’eurodeputato Vincenzo Sofo. “Il rafforzamento di gruppi estremisti, negli Stati Uniti e in Europa, impone sempre più l’agenda politica e culturale su cui viene fondato il pensiero dominante” e di conseguenza le regole del “politicamente corretto”, ha segnalato Alessandro Sansoni portando ad esempio la questione americana: “Nel corso delle ultime elezioni presidenziali i movimenti di piazza e il mainstream hanno dato vita a un attacco congiunto nei confronti della candidatura di Trump, con conseguenze ben note”. L’ideologia delle forze politiche dominanti è stata analizzata da Diego Fusaro: “Il cosmopolitismo di sinistra, ben diverso dall’originario internazionalismo socialista, è l’orientamento dominante dell’establishment. La relazione solidale tra le nazioni è distrutta dai capitalisti che mirano a superare gli Stati quali baluardo dei veri diritti”. Per il filosofo, le sinistre “fucsia” desiderano “far passare per internazionalismo socialista quello che è invece il cosmopolitismo liberista”.
Non solo le sinistre “fucsia” ma anche quelle “verdi” sono il segnale di una ideologia asservita all’egemonia globalista, rileva l’europarlamentare Vincenzo Sofo. Per l’esponente di Fratelli d’Italia la questione “pseudo ambientale” ha subito un processo di “umanizzazione” utile a modificare la scala di valori della popolazione, portando in secondo piano la promozione dei diritti dei lavoratori in favore dell’ecologia e dell’immigrazione. Un processo reso fattibile proprio grazie alla collaborazione tra establishment, informazione e deep state, secondo l’analisi che ha fatto da filo conduttore tra i diversi punti di vista dei relatori. “Gli Usa sono oggi in forte difficoltà sia sul piano interno, pensiamo agli sconvolgimenti causati da Black Lives Matters, che nella loro proiezione internazionale, insidiati dal crescente ruolo della Cina in Europa”, ha sottolineato Sofo dall’osservatorio privilegiato del Parlamento Europeo.
“Siamo in una situazione molto pericolosa: è caduto il velo dietro il quale si nascondeva l’estrema sinistra”, ha detto Fabrizio Fratus. “Con la caduta del muro di Berlino e la conseguente dissoluzione del comunismo in Europa – aggiunge – è venuta meno la visione economicistica della sinistra. I movimenti hanno intrapreso quindi la via tracciata dal liberismo, abbracciando la lotta per i diritti civili, molti dei quali creati addirittura ex novo”. “I diritti sociali sono della molteplicità mentre i diritti civili lo sono appartengono all’individuo”, ha rimarcato il sociologo autore di pubblicazioni scientifiche. Nel corso del dibattito è emerso come negli ultimi anni sia maturata un’inedita alleanza, nel mondo dell’informazione e non solo, tra radicalismo politico progressista e deep state. Il fenomeno è testimoniato in particolare da piattaforme come Bellingcat, che operano come siti di giornalismo investigativo basato sull’utilizzo di fonti in open sorce: se i principali animatori di tali iniziative editoriali provengono soprattutto dai movimenti di estrema sinistra come BLM, Antifa, gruppi anarchici o impegnati nella difesa dei diritti umani, molti collaboratori sono spesso ex elementi delle principali agenzie di intelligence americane e inglesi. Attivi inizialmente soprattutto nel reperimento di notizie provenienti dai principali teatri di guerra e tensione geopolitica (Ucraina, Siria ecc), questi siti oggi stanno focalizzando la loro attenzione sui movimenti e i partiti della destra patriottica presenti nei vari paesi occidentali, visti come antagonisti non più tollerabili dell’utopia globalista. In conclusione, dietro gli slogan dei diritti civili e della lotta all’estrema destra, i globalisti desiderano scardinare su scala mondiale i valori dell’identità e della sovranità in nome del capitalismo oligarchico.

Categorie
Dall'Italia News

Italia-Marocco: Causin, seguire esempio USA

Il senatore Andrea Causin (Maie) ha auspicato che l’Italia segua l’esempio degli Stati Uniti che hanno aperto un proprio Consolato a Dakhla, nella regione del Sahara marocchino.

In un’intervista all’agenzia di stampa marocchina Map, il senatore ha sottolineato la rilevanza e la grande portata dell’iniziativa di autonomia presentata dal Marocco accolta da tutta la comunità internazionale come una soluzione seria e credibile per la controversia regionale intorno al Sahara.

Causin ha affermato che il modello di sviluppo delle Province del Sud, lanciato dal re Mohammed VI, e il boom che la regione sta vivendo in termini di infrastrutture e servizi sociali di base, rafforzano la preminenza del piano di autonomia, sotto la sovranità marocchina.

Causin, che è anche membro della Commissione Difesa del Senato italiano, ha indicato che la decisione degli Stati Uniti di riconoscere la sovranità del Marocco sul suo Sahara è una scelta “chiara e realistica”.

Dopo aver ricordato la decisione di molti Paesi, inclusi gli Stati Uniti, di aprire Consolati generali a Laâyoune e Dakhla, il Senatore ha auspicato di vedere l’Italia seguire il loro esempio.

Categorie
Dall'Italia News

Sahara: sindaco di Liveri (Na), Ue riconosca la sovranità del Marocco

“Gli Stati Uniti hanno dato l’esempio, riconoscendo la sovranità del Marocco sulle sue province meridionali”. Così Raffaele Coppola, sindaco di Liveri (Napoli), ha invitato l’Unione Europea a seguire l’esempio dell’amministrazione statunitense che ha riconosciuto la sovranità del Marocco sul Sahara. “Si tratta di un riconoscimento perfettamente legittimo per quanto riguarda la storia della regione ed una realtà condivisa dalla popolazione presente nella zona, come ho potuto constatare con i miei occhi quando sono stato nel Sahara – spiega in una dichiarazione alla stampa, a 7 anni dalla sua prima visita nella zona del Sahara marocchino – Saluto il gesto degli Stati Uniti e penso che dovrebbe fare altrettanto l’Unione Europea”.

Secondo Coppola: “Se l’UE riconoscesse la sovranità marocchina sulle province del Sahara farebbe capire che è finito il tempo delle divisioni, retaggio della guerra fredda, e che dobbiamo aprirci per affrontare insieme il 21° secolo. Almeno è questo il messaggio che nel 2014 ho deciso di dare io, facendo gemellare il mio Comune con quello di Dakhla, anticipando la decisione di altri Paesi, come gli stessi Stati Uniti, che ora hanno aperto un Consolato in quella zona.”

Il sindaco di Liveri ha colto l’occasione per assicurare che la sua amministrazione e quella di Dakhla hanno in programma di proseguire nella collaborazione bilaterale, sviluppando dei progetti comuni che vedono il coinvolgimento di imprenditori campani desiderosi di investire nel Sahara, spinti anche dalla presenza di infrastrutture tra le migliori del continente e all’arrivo di fondi di investimento statunitensi e di imprenditori francesi, cinesi e russi e nella zona.

In questo contesto Coppola ritiene incomprensibile che l’Italia debba restare fuori da queste opportunità. Infine, ha espresso il proprio sostegno a Rabat a seguito delle provocazioni del Polisario lungo il confine tra Marocco e Algeria.

Il 4 febbraio del 2014 il sindaco di Liveri ha sottoscritto l’accordo di gemellaggio con la città marocchina di Dakhla. La firma, avvenuta in Marocco alla presenza del Presidente del Consiglio comunale locale, Sloh Jummani, ha come obbiettivo quello di rafforzare la cooperazione e lo scambio di esperienze economiche, culturali e turistiche tra le due città.

Categorie
Dall'Italia News

Dal Veneto, all’Italia, all’Europa: pandemia e rilancio

La nuova puntata di Radio Kulturaeuropa

Si terrà oggi pomeriggio, giovedì 6 maggio, a partire dalle 18:30, una nuova puntata di Radio Kulturaeuropa. Titolo dell’episodio sarà “Dal Veneto, all’Italia, all’Europa: pandemia e rilancio”.
In merito alla trasmissione, gli animatori della web radio hanno dichiarato: “Il Veneto è stata una delle regioni più colpite da questo anno travagliato. In particolar modo nella prima fase si è infatti trovata al centro delle cronache che la hanno distinta come una delle zone maggiormente colpite dalla diffusione dell’epidemia. Le campagne mediatiche hanno insomma rappresentato un ulteriore colpo alla regione che, da motore trainante del Paese, si è improvvisamente ritrovata bloccata”. “Parleremo dunque – hanno aggiunto i promotori dell’emittente web – della voglia di ripartenza e delle prospettive all’orizzonte proprio con chi il Veneto lo vive da sempre ed è da diversi anni impegnato politicamente e professionalmente sul territorio. Ad aprire il dibattito della trasmissione sarà infatti Piero Puschiavo, fondatore e presidente della sigla Progetto Nazionale, associazione nata nel 2010 oggi presente in tutta l’area regionale. A seguire ci saranno poi gli interventi di vari responsabili della suddetta associazione. Avremo con noi Bruno Cesaro, imprenditore e responsabile per la città di Padova, Gabriele Tasso, sindaco di San Pietro Mussolino e dirigente per il Vicentino, e Massimo Piubello, coordinatore delle attività sulla città di Verona”.

La trasmissione potrà essere seguita in diretta a questo link e sarà possibile interagire con gli ospiti mediante messaggio di WhatsApp al numero 324 953 95 64. Le prossime attività della radio saranno pubblicizzate tramite l’account Facebook e quello Instagram.

Categorie
Dall'Italia

Radio Kulturaeuropa, domani la nuova puntata

Andrà in onda domani, giovedì 29 aprile, una nuova puntata di Radio Kulturaeuropa. L’episodio sarà dedicato alla memoria dei camerati che il 29 aprile, in anni diversi, trovarono la morte per mano di assassini animati dall’odio politico. In merito alla trasmissione, i promotori della web radio hanno dichiarato: “l’episodio di domani non poteva non essere volto a celebrare il sacrificio di coloro che caddero sotto i colpi della violenza rossa: Carlo Borsani, reduce ed invalido di guerra freddato nel 1945 con un proiettile alla nuca dai partigiani comunisti; Sergio Ramelli, militante del Fronte della Gioventù che dopo essere stato aggredito da esponenti di Avangurdia Operaia a colpi di chiave inglese e dopo un calvario di 47 giorni in ospedale trovò la morte proprio il 29 aprile del 1975; Enrico Pedenovi, avvocato e consigliere del MSI alla provincia di Milano, ucciso dal fuoco di militanti dell’organizzazione Prima Linea mentre si stava recando alla commemorazione per Sergio”.
“Come ogni anno – hanno aggiunto gli animatori dell’emittente web -, così come per tutti i nostri caduti, sarà celebrato il rito del ‘Presente’ volto a ricordare e a rendere onore al sacrificio di quegli eroi che da sempre guidano il nostro cammino e condizionano le nostre scelte. Nella diretta di domani, per ripercorrere le storie dei caduti milanesi di quelle giornate, avremo gli interventi di Federico Goglio, editore e musicista che con il nome d’arte ‘Sköll’ ha cantato, tra l’altro, la storia di Ramelli e della madre, Guido Giraudo, giornalista e cantautore del gruppo di musica alternativa ‘Amici del Vento’, e di Matilde Petrella, portavoce di Azione Studentesca Modena. Verranno inoltre effettuati dei collegamenti telefonici con alcuni partecipanti alla manifestazione milanese prevista per le ore 20 a Via Paladini. Tra questi vi sarà anche Gabriele Adinolfi, saggista e storico animatore della sigla Terza Posizione”.
La trasmissione potrà essere seguita in diretta qui e sarà possibile interagire con gli ospiti mediante messaggio di WhatsApp al numero 324 953 95 64.

Le prossime attività della radio saranno pubblicizzate tramite l’account Facebook e quello Instagram.

Categorie
Approfondimenti Dall'Italia

Covid: rilancio dell’economia e green pass

I temi al centro della videoconferenza promossa dall’Ugl

“Uscire dal Covid. Dalle origini del virus al riconoscimento della reciprocità vaccinale per rilanciare l’economia”. È questo il tema della conferenza online organizzata questo fine settimana dall’Ugl. All’evento, moderato dal giornalista Alessandro Sansoni, hanno preso eminenti scienziati ed esponenti del mondo della comunicazione e delle istituzioni nazionali ed europee: il professore Mariano Bizzarri, segretario della Società mondiale di patologia clinica e docente presso l’Università La Sapienza di Roma; il professore Roberto Verna, presidente della Società mondiale di patologia clinica; Alessandro Rico,  giornalista del quotidiano La Verità; Gianmarco Volpe, giornalista dell’Agenzia di Stampa Nova; Cinzia Bonfrisco, europarlamentare della Lega; Augusta Montaruli, deputata di Fratelli d’Italia; Paolo Capone, segretario generale dell’Ugl e padrone di casa dell’evento. Il confronto ha messo al centro “il nodo del green pass nella ripresa delle attività economiche europee”, spiega Alessandro Sansoni nel corso del suo intervento. “Il riconoscimento della reciprocità vaccinale, anche a livello extraeuropeo, sarà al centro del dibattito internazionale per lungo tempo – prosegue – E la farraginosa burocrazia europea potrebbe portare in svantaggio gli Stati dell’Unione rispetto ad altri vicini”.
Il professore Mariano Bizzarri, ha sollevato il problema dei tamponi e del fenomeno dei falsi positivi: “Con la Società mondiale di patologia clinica abbiamo affrontato il tema in numerosi convegni e pubblicazioni, recentemente anche il New York Times ha rilevato che circa il 70 per cento dei tamponi risultati postivi al test Covid sono inattendibili, un dato che dovrebbe essere tenuto in maggior conto dal decisore politico”. “Inoltre – aggiunge – il rapporto tra numero di terapie intensive e il numero di morti per Covid19 è l’unico indice valido per valutare la gravità dell’epidemia, al contrario l’indice rt, attualmente in uso, è inattendibile per il dato più importante: la mortalità”, conclude Bizzarri, il quale in merito ha pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature uno studio con il professore Roberto Verna. Verna nel corso del suo intervento al webinar ha posto l’accento sugli effetti collaterali dei vaccini approvati in Italia: “Ai medici deve essere fornita un’informativa più accurata sulla composizione dei vaccini – spiega – ciò soprattutto alla luce dei casi di trombosi ed effetti collaterali emersi a seguito dell’inoculazione dei sieri che utilizzano vettori virali. Bisogna che la comunità scientifica vicina alle istituzioni abbia la possibilità di esprimersi con il supporto dei dati e non di ipotesi assunte sulla base di posizioni ideologiche”.
Sul difficile rapporto tra scienza e comunicazione si è espresso il giornalista Alessandro Rico: “È evidente che in molti casi la stampa si sia piegata a una vulgata allarmistica grazie ai ‘televirologi’ e altri esperti. È stato usato un approccio pedagogico che usa la scienza per fare accettare ai cittadini provvedimenti che con questa hanno poco a che vedere”. Della “diplomazia dei vaccini” ha parlato il giornalista Gianmarco Volpe: “La partita dei vaccini avrà conseguenze sugli equilibri politici ed economici a livello globale. Il modo in cui gli attori principali stanno giocando questa partita dice molto rispetto allo scopo che vogliono raggiungere. In questo contesto la Cina produce molto ed esporta moltissimo, utilizzando i vaccini come strumento di diplomazia”. Anche Sansoni ha rilevato come “la globalizzazione, in particolare dei mercati finanziari e della logistica, di fatto non è entrata in crisi con l’avvento del Covid, a essere penalizzata è stata la mobilità legale delle persone. Se i vaccini extraeuropei, come il cinese Sinovac, non saranno inseriti nella strategia del green pass potrebbero esserci forti ricadute sul commercio e sul settore turistico, un comparto che in Italia vale il 13 per cento del Pil”.
Sempre del contesto internazionale ha parlato l’europarlamentare Cinzia Bonfrisco: “Perché si parla di ‘green pass’ e non di ‘health pass’? Dovrebbe essere un certificato relativo alla salute e a nient’altro, uno strumento utile a garantire la libera circolazione tra i Paesi in un momento d’emergenza”. Bonfrisco rileva opacità anche nella gestione della centrale d’acquisti dei vaccini: “È ovvio che ci sia stato un problema nella contrattazione delle forniture, inoltre, i contratti stipulati con le aziende farmaceutiche spesso non sono pienamente visionabili persino agli stessi europarlamentari”.
“Il garante della privacy ha già bacchettato l’Ue sulla questione green pass – ha sottolineato la deputata Augusta Montaruli – Esistono esigenze economiche che impongono misure diverse a quelle a cui siamo abituati. Lo strumento del passaporto vaccinale è sproporzionato rispetto alla finalità perseguita, anche dal punto di vista del diritto alla privacy dei cittadini. Inoltre, il certificato così come è stato concepito non tiene conto dell’effettivo stato epidemiologico del Paese”. “La libertà delle persone – conclude l’esponente di Fratelli d’Italia – persone vale sempre più del mostro contro cui si combatte”.

Categorie
Approfondimenti Dal Mondo Dall'Italia

Imprese militari private: ecco cosa serve all’Italia

Guerre ibride

Il concetto di “guerra ibrida” è un concetto ben noto non solo agli esperti di relazioni internazionali e teorie della guerra, ma anche ai giornalisti. Di norma, in tale guerra l’azione ostile si sostanzia in una combinazione di operazioni segrete, sabotaggio, guerra informatica, oltre al supporto degli insorti che operano sul territorio nemico.

La definizione di “guerra ibrida” è così ampia che tale guerra è talvolta può essere riferita anche ad azioni prive di una componente militare attiva. Ad esempio, il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko ha definito la pressione diplomatica dei paesi dell’UE su di lui e l’organizzazione di proteste di massa nel suo paese una “guerra ibrida”. Prima di Lukashenko, i funzionari statunitensi, compreso l’ex segretario di Stato Rex Tillerson, definirono “l’interferenza” russa nelle elezioni statunitensi “una guerra ibrida”.

Questo ampio uso del termine da parte dei politici oscura in qualche modo i cambiamenti cruciali che stanno effettivamente avvenendo sul campo di battaglia.

La maggior parte delle guerre e dei conflitti moderni, dagli eventi in Ucraina nel 2014, passando per le guerre in Libia, Siria, Yemen, fino ad arrivare al recente conflitto in Nagorno-Karabakh, avvengono attraverso le modalità della guerra ibrida.

Il confronto diretto tra le potenze ha lasciato il posto a metodi più sofisticati, con attori che agiscono per procura, modalità che rendono, volutamente, difficile determinare quale operatore del paese stia utilizzando il drone e conducendo l’azione. A ciò si aggiungono le operazioni nel cyberspazio e la guerra dell’informazione, dove il giornalista è di regola un soldato, ma su un fronte speciale: quello dei media.

Attori per procura: perché sono necessari

Tuttavia, l’elemento più importante della moderna guerra ibrida è l’uso di attori per procura. Il fenomeno delle guerre per procura era già in uso durante la Guerra Fredda. Poi, nel 1964, il politologo americano Karl Deutsch definì questo tipo di azione come “una guerra internazionale tra due potenze straniere, combattuto sul suolo di un paese terzo, e camuffato da conflitto su una questione interna di quel paese; e usando parte di questo manodopera, risorse e territorio del Paese come mezzo per il raggiungimento di obiettivi e strategie estere preponderanti”.

Una definizione più contemporanea di guerra per procura è fornita da Daniel L. Byman della Brookings Institution, il quale afferma che la guerra per procura viene intrapresa “quando una grande potenza istiga o gioca un ruolo importante nel sostenere e dirigere una parte in un conflitto, ma compie solo una piccola parte del combattimento stesso”.

Andrew Mumford, professore di studi sulla guerra e vicedirettore della School of Politics and International Relations presso l’Università di Nottingham, definisce la guerra per procura come “impegno indiretto in un conflitto da parte di terzi che desiderano influenzarne strategicamente l’esito.

Questa definizione riflette un cambiamento nella comprensione delle guerre per procura rispetto a come il fenomeno era percepito durante la Guerra Fredda. Ora le guerre per procura rappresentano qualsiasi conflitto condotto da alcuni e indirizzato da altri.

Da quando gli Stati Uniti, all’inizio degli anni 2000, hanno affermato che tale tipo di guerra può essere condotta non solo contro avversari, ma anche contro alleati, i conflitti per procura sono diventati ancora più complessi. Così gli Stati Uniti di fatto furono i primi a riconoscere apertamente le nuove strutture flessibili della guerra moderna.

Ad esempio, in Siria, gli Stati Uniti hanno organizzato i curdi nelle forze democratiche siriane per combattere l’ISIS. Ora, sulla base delle SDF, gli americani detengono i giacimenti petroliferi della Siria, usando il fattore curdo per fare pressione su Bashar Assad e la Turchia (anche se formalmente la Turchia è un alleato degli Stati Uniti).

In Yemen, l’Iran sta usando i ribelli Houthi per combattere l’Arabia Saudita e l’intervento degli Emirati Arabi Uniti, mentre gli Emirati Arabi Uniti nello stesso conflitto sostengono il Consiglio di transizione meridionale. Sono i separatisti dello Yemen meridionale che stanno combattendo contro i ribelli Houthi. Tuttavia, il Consiglio di transizione meridionale ha combattuto e periodicamente attaccato gli alleati dei sauditi, i sostenitori del partito islamista Islah e le truppe del presidente Hadi. Formalmente, tuttavia, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti sono alleati in questo conflitto.

In entrambi i casi, l’uso di attori per procura consente ai giocatori dietro di loro di condurre un confronto più flessibile, facilitando il movimento tra alleati formali e avversari.

Detto questo, per condurre una moderna guerra per procura, spesso non è solo importante utilizzare o organizzare formazioni per procura sul campo, ma anche avere sempre a disposizione forze per procura che possono essere spostate da un fronte all’altro. Per l’Iran, ad esempio, una tale forza sono le brigate Liwa Fatemiyoun e Liwa Zainebiyoun dell’IRGC, formate da rifugiati provenienti da Afghanistan e Pakistan. Ma altri giocatori, di regola, usano PMC, società militari private, per questo scopo.

“I PMC sono pronti a diventare in futuro scommesse chiave per la guerra per procura”, osserva Andrew Mumford.

Gli esperti concordano sul fatto che le compagnie militari private hanno due importanti vantaggi rispetto all’esercito regolare: il loro uso è più economico e non causa qualcosa di simile alla “sindrome del Vietnam” all’interno della società.

Le società militari private (PMC) sono ormai parte integrante della politica mondiale moderna. Sono sempre più utilizzate in numerosi conflitti armati in tutto il mondo. Lo status di queste realtà consente il loro impiego da parte di Governi che non vogliono pubblicizzare la presenza dei loro militari per motivi politici stranieri o interni.

Di norma, queste strutture lavorano a stretto contatto con le agenzie militari e di intelligence dei loro paesi. Le PMC sostengono la reputazione e altri costi associati alla morte e alle lesioni dei soldati che non sono riportati negli elenchi dell’esercito regolare, ma ne svolgono il lavoro.

Attori per l’Italia

Il paese più vicino all’Italia dove è in corso la guerra per procura è la Libia. Il dispiegamento in Libia di combattenti siriani addestrati e organizzati dalla Turchia ha dimostrato che Ankara è stata in grado di trasformare l’esercito nazionale siriano ribelle in un delegato secondario. I turchi, costituiti da combattenti locali, hanno organizzato ad hoc una forza capace di combattere ovunque il conflitto si muova. Praticamente è una via di mezzo tra gli iraniani e l’esperienza occidentale delle PMC, dato che i siriani operano sotto il controllo della PMC SADAT turca.

La Libia è il vicino più importante dell’Italia, sia in termini di sicurezza, visto il ruolo di controllo sulla migrazione di massa, sia in termini di energia. Tuttavia, la Turchia e la Russia sono ora nelle prime posizioni nel determinare il futuro di questo paese. Entrambi stanno utilizzando attivamente attori per procura sotto forma di PMC (rapporti su SADAT e Gruppo Wagner in Libia), mentre Roma, alla vecchia maniera, si basa su accordi con i politici e sulla presenza di un piccolo numero dei suoi militari.

Chiaramente, Roma dovrebbe pensare a plasmare la sua strategia di guerra per procura e utilizzare attori per procura per garantire gli interessi nazionali se vuole mantenere la sua influenza in Libia e in altre regioni del mondo strategiche per l’Italia. Allo stesso tempo, è ovvio che l’unica opzione possibile per l’Italia per creare i propri attori per procura sembrano essere le società militari. L’Italia ha già esperienza in partenariati pubblico-privati ​​nel campo della sicurezza marittima, una possibilità estendibile anche a terra.

Mettiamo a confronto tre modelli di PMC nel mondo di oggi: quello occidentale (principalmente americano), quello russo e, infine, quello turco, per capire quali modelli dovrebbe seguire l’Italia. Per confronto, prenderemo i seguenti parametri: addestramento e esperienza di combattimento, ideologia e conseguenze dell’uso.

Esperienza di addestramento e combattimento

Di regola, negli Stati Uniti (prendiamo principalmente Blackwater, ribattezzata Academi) e in Russia (Wagner Group) le PMC sono formate da ex militari, inclusi ex membri di unità speciali.

Blackwater è salito agli onori delle cronache nel 2007, quando un gruppo di suoi dipendenti ha ucciso 17 civili iracheni e ferito 20 persone in Nisour Square a Baghdad, per cui quattro mercenari statunitensi sono stati condannati negli Stati Uniti, ma recentemente graziati dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Blackwater, poi Academi, che nel 2014 è entrata a far parte di Constellis, ha esperienza nella guerra in Iraq e Afghanistan. Altre PMC statunitensi sono presenti in Somalia.
Ci sono state notizie sulla loro partecipazione alla guerra in Yemen dalla parte della coalizione anti-Houthi.

L’esperienza dei russi, sebbene più ristretta, appare più profonda. Dal 1979 combattono con i mujaheddin in Afghanistan e successivamente con i ribelli in Cecenia. Considerando che la maggior parte delle guerre per procura sono combattute nei paesi musulmani e che i paesi europei sono osteggiati da gruppi islamici irregolari, i russi hanno un’esperienza unica e preziosa nell’affrontare questa minaccia.

Il Wagner Group è composto in gran parte da veterani dei conflitti in Afghanistan e Cecenia, conoscono quindi molto bene questo nemico.

La principale esperienza delle PMC americane è la protezione di strutture e missioni diplomatiche, oppure azioni mirate volte all’eliminazione diretta dei nemici. In Yemen, ad esempio, i mercenari statunitensi sono stati assunti dagli Emirati Arabi Uniti per assassinare i leader del partito Islah, alleato dell’Arabia Saudita, che a sua volta è alleata degli Emirati Arabi Uniti nella coalizione anti-Houthi.

Gli Emirati Arabi Uniti, tuttavia, considerano Islah, il ramo yemenita del movimento dei Fratelli Musulmani, una minaccia per se stesso.

I russi sono direttamente coinvolti nelle operazioni di combattimento sul fronte. È il gruppo russo PMC Wagner sul terreno in Siria, impegnato nella lotta contro l’ISIS, ad aver liberato parti significative del paese, inclusa la città di Palmyra, riconosciuta dall’UNESCO come patrimonio dell’umanità.

Mentre le PMC americane hanno esperienza principalmente nell’occupazione, i russi hanno esperienza nella controffensiva e sono usati soprattutto per respingere terroristi o elementi radicalizzati e per liberare importanti aree strategiche. In particolare, il Gruppo Wagner in Siria, oltre a Palmyra, ha dato un importante contributo alla liberazione delle regioni orientali e centrali della seconda città più grande della Siria, Aleppo. Wagner è intervenuto anche per liberare i giacimenti di gas Shaer nella provincia settentrionale di Homs da i terroristi dello Stato Islamico e per eliminare una compagine dell’Isis a Deir Ezzor.

Questa esperienza richiede indubbiamente un attento studio in Italia. Nel complesso, i russi hanno molta più esperienza di combattimento all’interno delle PMC in termini di superamento dell’offensiva nemica, difesa e addestramento degli alleati che americani e altri PMC e PMSC occidentali (compagnie militari e di sicurezza private).

Il PMC SADAT turco, che esiste dal 2012, è un fenomeno speciale. In origine era orientato agli ex militari islamisti, che non hanno trovato posto nell’esercito regolare turco, dove le tradizioni del secolarismo sono forti. Di fatto, SADAT supervisiona l’Esercito nazionale siriano, che insieme agli istruttori SADAT prende parte alle operazioni di combattimento in Siria e Libia. Inoltre, c’erano informazioni sulla partecipazione dei mercenari siriani alla recente guerra in Nagorno-Karabakh dalla parte dell’Azerbaigian. Se questi rapporti sono veri, possono arrivarci solo attraverso SADAT.

Il SADAT ha esperienza nella guerra ibrida, ma a causa della presenza tra le sue fila di molti ribelli siriani, ha una disciplina molto inferiore rispetto a quella dell’esercito regolare. La Turchia promuove attivamente il brand SADAT, soprattutto nei paesi musulmani. Esistono report secondo cui il PMC è presente nelle basi turche in Somalia e Qatar. Il fattore islamista gioca un ruolo importante nella formazione di questo PMC. Ovviamente si tratta di una esperienza non traducibile nel contesto italiano.

L’ideologia

La figura del fondatore della Blackwater, Eric Prince, dimostra che c’è una certa ideologia dietro le PMC americane. Prince definisce sé stesso un “ragazzo del libero mercato”, vicino al mondo degli affari e all’estrema destra protestante americana (sebbene formalmente Prince sia cattolico).

Le PMC americane rappresentano uno strumento dell’egemonia statunitense, promuovendo l’ideologia dell’eccezionalismo americano, quella di un mondo unipolare. Di norma, le PMC di tutto il mondo lavorano a stretto contatto con i servizi militari e di sicurezza dei loro paesi.

Anche la figura del fondatore del SADAT, il generale turco Adnan Tanriverdi, la dice lunga sulla sua ideologia in diffusione.

Il generale islamista, vicino al presidente turco Recep Tayyip Erdoğan, è sempre stato una pecora nera nelle forze armate turche, orgoglioso del suo secolarismo. Tuttavia, la guerra in Siria, e poi l’intervento della Turchia nel conflitto militare in Libia, hanno notevolmente cambiato la sua posizione. Nel 2016 Tanriverdi è diventato consigliere ufficiale del presidente turco.

In questa posizione è rimasto fino a poco tempo, all’inizio del 2020, quando è scoppiato uno scandalo in Turchia: Tanriverdi ha pubblicamente dichiarato che si stava preparando per l’arrivo del Mahdi, figura che nell’Islam segna l’arrivo della Fine del Mondo e della finale battaglia escatologica delle forze dell’Islam contro il male. Contemporaneamente, tuttavia, né Tanriverdi né SADAT hanno perso la loro posizione speciale. È il SADAT che è attivamente coinvolto nel conflitto libico inviando mercenari dalla Siria.

 Inoltre, il generale Tanriverdi continua a fare dichiarazioni politiche islamiste. Ad esempio, il Center for Strategic Studies of Advocates of Justice (ASSAM), di cui Tanriverdi è presidente, sostiene la creazione della confederazione islamica Asrika, composta da Asia e Africa.

Cercare l’aiuto del SADAT significa adottare un modello ideologico non meno rigido di quello dell’Occidente: l’Occidente chiede la fede nella democrazia e una comprensione occidentale dei diritti umani. La Turchia promuove il suo progetto islamista, dietro al quale c’è la Fratellanza Musulmana, riconosciuta come estremista e terrorista in molti paesi del mondo.

Oggi, l’unica alternativa possibile alle PMC occidentali e all’esercito privato turco di Erdogan, nel campo delle compagnie militari private, è rappresentata dai russi – soprattutto dal gruppo Wagner.

La Russia nell’ambito delle relazioni internazionali è impegnata nel principio del multipolarismo. Si presume che diverse civiltà nel mondo abbiano i propri sistemi di valori, sulla base dei quali costruiscono i modelli politici appropriati per un particolare paese.

Le PMC russe non impongono i loro modelli ideologici ai loro partner, il che è un vantaggio importante nel lavorare con altri paesi, nel rispetto della sovranità degli altri paesi. Ricordiamo che gli americani sono arrivati in Iraq e in Afghanistan, semplicemente invadendo questi paesi. I russi, invece, sono stati chiamati dai governi ufficiali (Siria e Repubblica Centrafricana ad esempio). La notevole esclusione a questo orientamento è la Libia, dove si dice che il Gruppo Wagner sostenga le forze di Khalifa Haftar. Tuttavia, nel conflitto libico entrambi i governi rivali (di Tripoli e di Bengasi) mancano di piena legittimità.

È anche importante che i combattenti russi delle compagnie militari private non siano principalmente motivati ​​dal denaro, ma da un senso di patriottismo e da un desiderio di autorealizzazione attraverso la guerra.

Conseguenze dell’utilizzo delle PMC

Consideriamo ora i risultati delle varie attività di PMC.

In Iraq e Afghanistan la questione del ritiro delle rimanenti truppe statunitensi è all’ordine del giorno. Tuttavia, in nessuno dei due paesi gli Stati Uniti hanno raggiunto l’obiettivo dichiarato. Non abbiamo finito con il terrorismo. Al contrario, è stato a causa dell’invasione americana di questi paesi che è emerso l’ISIS. La stessa cosa è in Somalia, dove le PMC occidentali sfruttano solo la mancanza di statualità, ma il paese è diventato un esportatore di terrore e instabilità in Africa.

In Iraq, gli americani hanno ottenuto il controllo di alcune delle risorse petrolifere del paese. Il prezzo è stato la distruzione dello Stato iracheno e il rafforzamento dell’Iran, che gli stessi Stati Uniti considerano un nemico più pericoloso di quanto fosse l’Iraq di Saddam Hussein. L’immagine pubblica degli Stati Uniti e delle PMC americane dopo lo scandalo intorno a Blackwater è rovinata.

Il risultato delle attività della SADAT turca è l’espansione della zona di influenza degli islamisti in Siria e Libia. Di fatto, sono alleati di gruppi armati illegali: un terreno fertile per la crescita dell’islamismo e delle strutture terroristiche che minacciano la sicurezza di altri paesi. Anche questa è un’esperienza negativa per l’Europa. Ankara può anche leggerlo positivamente, ma gli islamisti nutriti da Erdogan potrebbero rivoltare le loro armi contro i loro stessi clienti in un attimo. Bisogna ricordare, inoltre, che anche Bin Laden era originariamente un alleato degli Stati Uniti.

Se si valutano le azioni di SADAT separatamente dalla loro ideologia, è evidente l’esistenza di numerosi svantaggi. SADAT arriva nei punti caldi, congelando di fatto il conflitto, come si può vedere in Siria e Libia. Tuttavia, i turchi non vogliono o non sono in grado di modificare in modo significativo gli equilibri di potere o di contribuire alla ricostruzione.

Le PMC russe in Siria hanno fermato l’ISIS e non hanno permesso loro di trasformare il paese in un baluardo dell’estremismo islamico. Uno stato laico è stato preservato in Siria. Damasco è un alleato di Mosca e la Siria, a differenza dell’Iraq, non è uno stato fallito. I siriani hanno un atteggiamento positivo nei confronti della Russia e la ringraziano per il suo aiuto. Mosca, usando le PMC, è riuscita a ottenere vittorie reputazionali in Siria, e non si tratta di vittorie conseguite solo sul campo di battaglia.

Il gruppo Wagner in Siria, Libia e Repubblica centrafricana si è posizionato principalmente come una forza che fornisce ordine e sicurezza. Se SADAT rappresenta il congelamento rapido di un conflitto, il Gruppo Wagner ne è la risoluzione. I russi esportano sicurezza contribuendo allo sviluppo delle forze armate dei loro partner e proteggendo alleati e partner.

Ciò è stato chiaramente dimostrato sia in Siria che in Ucraina, dove il Gruppo Wagner è riuscito a salvare la vita di migliaia di civili dai battaglioni di nazionalisti e dall’esercito ucraino.

I recenti eventi nella Repubblica Centrafricana dimostrano ancora una volta l’efficacia del Gruppo Wagner. Qui, infatti, le truppe locali, addestrate dai russi di Wagner, stanno efficacemente dissuadendo i ribelli con i propri istruttori e assicurando le elezioni presidenziali e le istituzioni della democrazia.

Quindi, è ovvio che l’Italia, sulla strada per sviluppare le proprie PMC, dovrebbe prestare maggiore attenzione all’esperienza russa, l’esperienza del Gruppo Wagner è l’esperienza di maggior successo nell’uso delle PMC nella guerra ibrida.

Categorie
Dal Mondo Dall'Italia

Un nuovo asilo per i piccoli di Maaloula

Dopo la distruzione da parte di Al Qaida arriva la ricostruzione italiana

L’asilo San Giorgio di Maaloula, distrutto dai terroristi di Al Nousra Al Qaida, verrà ricostruito e tornerà ad ospitare bambini e bambine di tutte le confessioni religiose. Il “regalo natalizio” arriverà dalla Regione Piemonte, prima in assoluto tra tutte le regioni italiane ad intervenire in Siria con un progetto di cooperazione internazionale insieme alla Fondazione HOPE e al Patriarcato Greco-melchita cattolico.

Il progetto sosterrà il ritorno alla normalità della popolazione di Maaloula, gravemente colpita durante l’occupazione del gruppo terroristico jihadista Jabat Al Nousra (Al Qaida) nel 2013. Obiettivo specifico del progetto sarà quello di permettere il ritorno all’asilo in sicurezza di oltre 50 bambini di età compresa tra 3 e 6 anni, di tutte le religioni e confessioni presenti sul territorio cittadino, grazie alla ristrutturazione di 4 aule dell’asilo San Giorgio in sostituzione di quelle andate distrutte nel 2013 e ancora inagibili. Questo permetterà da un lato ai bambini di stare insieme in un contesto sereno (molti vengono da situazioni di grave disagio familiare tanto da non poter contribuire alle spese scolastiche) e ai genitori di svolgere il proprio lavoro in serenità sapendo i propri figli in un ambiente sicuro.

“Con questa azione umanitaria, unica finora nel panorama della cooperazione decentrata delle Regioni, riscopriamo il senso più vero del Natale – spiega l’assessore alla Cooperazione Internazionale della Regione Piemonte Maurizio Marrone. “Il Piemonte sarà protagonista della ricostruzione di quella culla della cristianità così profondamente ferita dall’odio islamista, partendo dall’assistenza ai bambini che rappresentano la migliore garanzia per il futuro di questa Siria, tornata sovrana all’insegna della libertà di culto e del pluralismo confessionale”.
“Maaloula è un luogo simbolico per cristiani e musulmani, che nel corso dei millenni ha rappresentato un modello riuscito di convivenza – dichiara Samaan Daoud, Desk Officer Medio Oriente di HOPE -. L’attacco terroristico di Al Nousra ha rappresentato quindi non solo un attacco nei confronti della popolazione cristiana, ma soprattutto a quello stesso “modello” faticosamente costruito e che oggi deve poter rinascere”.
“Ripartire con la ricostruzione dell’asilo è per noi un primo passo importante per edificare nuovamente il modello di convivenza che è stata la caratteristica di Maalolula – prosegue Marcello De Angelis, Vice Presidente di HOPE -. Questo sarà il primo mattone per ricostruire l'”edificio” della convivenza culturale e religiosa. Un segnale concreto, che contribuirà in maniera concreta. L’asilo è il luogo dove rinasce e cresce la convivenza. Nel momento in cui i bambini vivono lo stesso luogo, la stessa comunità torna a riannodare i suoi legami e ricucire le sue ferite”.

Prima dell’attacco del 2013 Maaloula contava circa 8.000 abitanti (15.000 in estate), attualmente sono rientrate nelle loro case circa 3.000 persone, mentre i restanti sono ancora rifugiati all’estero. Il progetto contribuirà anche a favorire il rientro profughi e a consentire a loro e a loro figli di riprendere una vita normale.

di E. C.