Categorie
Uncategorized

“L’arte della guerra nel XXI secolo”, il webinar

Dopo la fine della Guerra Fredda, quali forme hanno assunto i conflitti? Chi sono e come agiscono gli attori coinvolti? Su questi temi si sono confrontati i relatori del webinar “L’arte della guerra nel XXI secolo” organizzato venerdì 5 febbraio dalla rivista Incursioni, diretta da Fabio Pagano.

“Il conflitto diretto tra le potenze internazionali ha lasciato il posto all’uso di attori per procura, combattenti proxy, oppure contractors appartenenti a compagnie private”. A introdurre questa prima, fondamentale distinzione è stato il giornalista Alessandro Sansoni, direttore del mensile CulturaIdentità,il quale attraverso le categorie del “partigiano” e del “pirata”, individuate dal politologo tedesco Carl Schmitt, ha illustrato il ruolo dei contractors delle Private Military Company (Pmc) nelle guerre contemporanee. “Con la liquefazione delle identità statali e del diritto internazionale prodotta dalla globalizzazione – ha spiegato Sansoni – le Pmc acquisiscono una importanza crescente e spesso determinante nella risoluzione dei conflitti: ma esistono modelli differenti di compagnie militari private, frutto delle impronte geopolitiche delle nazioni di origine. Quelle occidentali anglo-americane tendono ad assumere un profilo di azienda privata coerente con le logiche di mercato e con il paradigma del ‘pirata (o corsaro)’, laddove quelle russe, più legate agli apparati statali, sono più aderenti all’archetipo schmittiano del ‘partigiano’, in cui ad agire da collante è il patriottismo. La Sadat turca è invece una via di mezzo tra le due, con in più la dimensione ideologica fondata sull’islamismo”.

Uno dei teatri più interessanti per osservare la guerra ibrida, e in particolare il ruolo degli attori proxy, è il Mediterraneo, ha ricordato Michela Mercuri, docente universitaria ed esperta di geopolitica dell’area mediterranea. Oggi le potenze interessate a trarre beneficio dalla destabilizzazione dell’area investono nei combattenti proxy: in primis gli Stati Uniti. La definizione di “guerra per procura” non è però unitaria e può avere numerose sfumature, come ha sottolineato il giornalista Massimiliano (Hamza) Boccolini: “E’ il caso dello Yemen: qui non sono impiegati contractors delle Pmc ma combattenti proxy e Iran e Arabia Saudita, non potendosi affrontare direttamente, si scontrano sostenendo ciascuno le milizie locali impegnate nella guerra civile”. Concludendo l’incontro la deputata di Fratelli d’Italia Augusta Montaruli ha rimarcato il ruolo fondamentale nella guerra moderna della “destabilizzazione dell’opinione pubblica attraverso media e nuovi media”. Un ruolo non secondario in questo scenario è affidato ai social network: “Terrorismo e guerra cibernetica – ha aggiunto Montaruli – sono parte integrante dell’armamentario della guerra ibrida”.

Il webinar è disponibile su Youtube al link: https://www.youtube.com/watch?v=7NB3cRJTH18&ab_channel=OsservatorioGlobale

L’arte della guerra nel XXI secolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *